Ulica:

Localita:

C.A.P.

mi piace
  Contatto
   Editore
   Redazione
  
  „...ovunque dove si lavora il legno...”
Tecnica e tecnologie
Il distributore ha venduto, guadagnato e ..si lava le mani
dimensione 
Da numerosi mesi un artigiano, invece di eseguire gli elementi in legno e di guadagnare, scrive le riviste, interviene e perde il denaro. Ha richiesto l’intervento della Gazeta Przemysłu Drzewnego. In tale questione non ci sono dubbi che Robert Myszkier, proprietario dell'azienda Cezar di Jabłówka nei pressi di Starogard Gdański partire da giugno 2011 trasferisce sul conto corrente del fondo leasing Getin Leasing di Wrocław ogni mese una rata di alcune migliaia di PLN per il tornio- fresatrice DT-3 dell’azienda Jaroma SA. Ha visto la macchina tre volte per qualche ora, durante le prove non positive della messa in moto da parte dei nuovi tecnici. Per l’ultima volta nel luglio dell’anno scorso! Ciò non è stato sufficiente per constatare che i valori della macchina con numero di matricola 165 differiscono lontanamente dalla possibilità presentate durante il film, reso disponibile prima dell’acquisto. Ogni volta ha presentato le mozioni che i parametri tecnici della macchina non sono conformi con i dati compresi nel manuale d’uso e nei materiali pubblicitari del produttore.

Tak obrabia elementy maszyna Jaromy! Fot. Janusz Bekas
- La questione inizialmente sembrava molto semplice- ci ha scritto il procuratore dell’azienda Jaroma SA di Jarocin. - Nell’ordine relativo al tornio – fresatrice DT dal nostro cliente – l’azienda ELMAT di Lublin – sono stati definiti a parte la macchina stessa, gli elementi e i gruppi con i quali deve essere dotata, senza nessuna nozione supplementare, per quanto riguarda le esigenze del fruitore finale. Jaroma ha accettato e realizzato l’ordine.
Il produttore conferma che “avendo un buon senso di una collaborazione più vasta ha fatto l’errore non fornendo la macchina presso l’azienda Elmat–Lublin, ma fornendo in data 20.06.2011 la macchina all’indirizzo indicato del destinatario, non sapendo che in questo modo diventa il capro espiatorio in tale questione, da quel momento il signor Myszkier indirizza tutte le sue note non all’azienda Elmat, ma direttamente presso Jaroma.

Il produttore conferma che già alla consegna Robert Myszkier, ha presentato le sue prime rivendicazioni per quanto riguarda l’estetica e il completamento della macchina. In questa fase si è concentrato sulla bassa qualità di lame da test e non sul fatto di come adottare la macchina alla produzione programmata. La macchina è tornata a Jaroma, per eseguire le modifiche. Contemporaneamente si è rilevato che la dotazione fornita insieme alla macchina non è conforme con ciò che il sig. Myszkier ha definito con l’azienda Elmat. Le successive note, questa volta concentrandosi sui particolari tecnici, che influiscono sulla qualità della produzione programmata e nelle registrazioni nel manuale d’uso e della completezza della dotazione, Robert Myszkier ha presentato l'11.07.2011, quando sono state eseguite le successive prove del lavoro della macchina.

Le analisi eseguite presso Jaroma hanno mostrato che l’adattamento alle esigenze tecnologiche dell’artigiano richiederà molto tempo, ma soprattutto sarà molto dispendioso, per cui il produttore deve gravare delle spese l’artigiano.
La macchina si trova ancora presso il produttore, Getin Leasing riscuote le rate di leasing e Elmat.. si lava le mani e non risponde alle lettere. Affrontiamo questa situazione complicata nell’edizione di marzo di Gazeta Przemysłu Drzewnego, perche ci arrivano informazioni sui numerosi conflitti tra gli acquirenti delle macchine ed i fornitori, che richiedono il pagamento per la macchina prima della consegna. 
Janusz Bekas
janusz.bekas@gpd24.pl
tel. 519 516 113

Il distributore ha venduto, guadagnato e ..si lava le mani

Da numerosi mesi un artigiano, invece di eseguire gli elementi in legno e di guadagnare, scrive le riviste, interviene e perde il denaro. Ha richiesto l’intervento della Gazeta Przemysłu Drzewnego. In tale questione non ci sono dubbi che Robert Myszkier, proprietario dell\'azienda Cezar di Jabłówka nei pressi di Starogard Gdański partire da giugno 2011 trasferisce sul conto corrente del fondo leasing Getin Leasing di Wrocław ogni mese una rata di alcune migliaia di PLN per il tornio- fresatrice DT-3 dell’azienda Jaroma SA. Ha visto la macchina tre volte per qualche ora, durante le prove non positive della messa in moto da parte dei nuovi tecnici. Per l’ultima volta nel luglio dell’anno scorso! Ciò non è stato sufficiente per constatare che i valori della macchina con numero di matricola 165 differiscono lontanamente dalla possibilità presentate durante il film, reso disponibile prima dell’acquisto. Ogni volta ha presentato le mozioni che i parametri tecnici della macchina non sono conformi con i dati compresi nel manuale d’uso e nei materiali pubblicitari del produttore.

- La questione inizialmente sembrava molto semplice- ci ha scritto il procuratore dell’azienda Jaroma SA di Jarocin. - Nell’ordine relativo al tornio – fresatrice DT dal nostro cliente – l’azienda ELMAT di Lublin – sono stati definiti a parte la macchina stessa, gli elementi e i gruppi con i quali deve essere dotata, senza nessuna nozione supplementare, per quanto riguarda le esigenze del fruitore finale. Jaroma ha accettato e realizzato l’ordine.
Il produttore conferma che “avendo un buon senso di una collaborazione più vasta ha fatto l’errore non fornendo la macchina presso l’azienda Elmat–Lublin, ma fornendo in data 20.06.2011 la macchina all’indirizzo indicato del destinatario, non sapendo che in questo modo diventa il capro espiatorio in tale questione, da quel momento il signor Myszkier indirizza tutte le sue note non all’azienda Elmat, ma direttamente presso Jaroma.

Il produttore conferma che già alla consegna Robert Myszkier, ha presentato le sue prime rivendicazioni per quanto riguarda l’estetica e il completamento della macchina. In questa fase si è concentrato sulla bassa qualità di lame da test e non sul fatto di come adottare la macchina alla produzione programmata. La macchina è tornata a Jaroma, per eseguire le modifiche. Contemporaneamente si è rilevato che la dotazione fornita insieme alla macchina non è conforme con ciò che il sig. Myszkier ha definito con l’azienda Elmat. Le successive note, questa volta concentrandosi sui particolari tecnici, che influiscono sulla qualità della produzione programmata e nelle registrazioni nel manuale d’uso e della completezza della dotazione, Robert Myszkier ha presentato l\'11.07.2011, quando sono state eseguite le successive prove del lavoro della macchina.

Le analisi eseguite presso Jaroma hanno mostrato che l’adattamento alle esigenze tecnologiche dell’artigiano richiederà molto tempo, ma soprattutto sarà molto dispendioso, per cui il produttore deve gravare delle spese l’artigiano.
La macchina si trova ancora presso il produttore, Getin Leasing riscuote le rate di leasing e Elmat.. si lava le mani e non risponde alle lettere. Affrontiamo questa situazione complicata nell’edizione di marzo di Gazeta Przemysłu Drzewnego, perche ci arrivano informazioni sui numerosi conflitti tra gli acquirenti delle macchine ed i fornitori, che richiedono il pagamento per la macchina prima della consegna.